Cosmoprof 2015: il settore della cosmesi non conosce crisi

Quando si parla di bellezza e cosmesi si registrano sempre grandi numeri, a riprova del fatto che, nel nostro Paese come in altri, la crisi non tocca mai questo settore al punto tale da far notare un’inversione di tendenza. A dimostrazione di quanto detto, il Cosmoprof che si è tenuto a Bologna lo scorso Marzo (in concomitanza con il Cosmopack) ha avuto dei risultati sconvolgenti, di cui parleremo. Questo denota che il settore della bellezza a 360° è sempre oggetto delle attenzioni delle donne e non solo. Un Cosmoprof da record, quindi, sia per quel che concerne i grandi numeri che sono stati registrati, sia per quel che concerne il numero delle aziende che hanno presentato i loro prodotti e che si sono fatte conoscere da addetti ai lavori e acquirenti provenienti da ogni punto del mondo. Volendo portare una concreta testimonianza di quanto detto, parliamo di numeri e prima di farlo è necessario sottolineare che le percentuali sono cresciute di molto. L’evento, infatti, s’è chiuso con un vero e proprio record: 240 mila presenze, che significano un buon 20% in più rispetto alle precedenti edizioni. Tra questi ben 80 mila sono stati i visitatori provenienti dall’estero e, in questo caso, l’aumento della percentuale tocca l’80%. Si tratta di un evento in costante crescita e lo dimostrano anche gli oltre 1000 giornalisti arrivati da ogni parte del mondo e gli oltre 500 blogger arrivati in città per testimoniare quello che si è vissuto. Un grande risultato, quindi, che rende Bologna una delle Mecche della cosmesi, al pari di Las Vegas, New York e Hong Kong, le altre città dove si svolgono Cosmoprof e Cosmopack. Ma c’è di più: l’evento, infatti, può essere considerato un vero e proprio traino per l’EXPO 2015 che incomincerà a breve a Milano. Come nota il presidente di BolognaFiere, Duccio Campagnoli, questo evento ha, in qualche modo, fatto fare le prove generali al nostro Paese. Ma torniamo alle cifre e alle percentuali. Ben 27 sono state le collettive nazionali arrivate a Bologna per prendere parte agli eventi in calendario; 500 i buyer provenienti da 51 Paesi; 2.185 incontri con le aziende spalmati tra Cosmoprof e Cosmopack. Quest’ultimo evento, inoltre, ha portato l’attenzione anche su temi e settori che vanno al di là della cosmesi: ci sono stati, infatti, eventi e iniziative legati alla filiera del produttiva del settore beauty e non solo. Molta attenzione, infatti, è stata posta sui settori delle Spa e dell’hair styling, due dei più importanti in assoluto. Sono stati, pertanto, organizzati diversi incontri nei settori sopra indicati, in modo da fare avvicinare aziende, buyer ed esperti. Come detto, la filiera produttiva del settore beauty è stata pienamente rappresentata in tutte le sue forme .

Ecco, a cura della nostra redazione,  il reportage completo al Cosmoprof.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *