Mascherine e bambini: tutto quello che vuoi sapere

Il periodo di pandemia di Coronavirus che stiamo vivendo da più di un anno ci spinge sempre di più a proteggerci, utilizzando le mascherine come strumento preferenziale di protezione. Chirurgiche, FFP2, FFP3, con valvola o meno, è indispensabile che le mascherine siano indossate anche dai bambini. Questo perché, nonostante i più piccoli non corrano così tanti rischi di ammalarsi seriamente, possono tuttavia risultare portatori sani del virus, infettando le persone più anziane. Ci sono però delle domande che i genitori si pongono al momento di far indossare le mascherine ai figli, alcune con paure di base davvero infondate. Vediamo quali sono e cerchiamo di rispondere.

Come funzionano le mascherine contro il virus

Sebbene la mascherina non azzeri il rischio di contrarre il virus Covid 19 Sars Cov-2, indossarla aiuta però a limitare le possibilità, in quanto la barriera fisica impedisce il trasferimento delle goccioline di saliva (droplets) emesse quando si parla. All’uso della mascherina vanno poi sempre associati comportamenti come il lavaggio frequente delle mani, l’uso di gel igienizzanti e l’evitare assembramenti. Questo vale anche per i bambini.

Le mascherine adatte ai bambini non rendono difficile la respirazione

Una domanda che spesso i genitori si pongono è se le mascherine possano rendere difficoltosa la respirazione dei più piccoli. La risposta è no, a patto che si scelgano mascherine per bambini antivirus adatte alla forma del viso dei bambini e realizzate con materiali traspiranti che non impediscano all’ossigeno di passare. In questo modo il bambino potrà indossare la mascherina a scuola per molte ore senza alcun problema. Una sciocchezza, poi, il dubbio sull’ipossia: le molecole di anidride carbonica sono talmente piccole che non possono essere bloccate dalle mascherine, per cui il rischio di alcalosi non esiste.

Le mascherine non indeboliscono il sistema immunitario del bimbo

Un altro falso mito che si è andato diffondendo in questi mesi è che le mascherine indossate a lungo possano creare nel bambino un abbassamento della potenza del sistema immunitario o addirittura provocare un aumento delle possibilità di ammalarsi. Se utilizzata in maniera corretta, cambiandola ogni 4-6 ore e tenendo sempre le mani igienizzate, la mascherina è il miglior strumento per proteggersi dal Covid.

Nessuna prova che le mascherine causino emicrania o disbiosi intestinale

Circolano infine delle dicerie sul fatto che le mascherine siano responsabili di emicranie sui bambini o di disbiosi alla flora intestinale. Se anche di mal di testa si può parlare lo si deve solo alla componente psicologica: indossare a lungo la mascherina ogni giorno, infatti, può portare alcuni bambini ad acuire sintomi di stress ed ansia. Tali disturbi vengono somatizzati con il mal di testa. In questo caso meglio tranquillizzare il bambino, rassicurandolo sul fatto che l’uso della mascherina sarà soltanto transitorio.

Per quanto riguarda invece una eventuale disbiosi intestinale causata dall’utilizzo di mascherine, non esiste nessuna prova scientifica di questa asserzione. Un consiglio: meglio evitare di ascoltare chiunque su questo argomento, ma dar retta solo a medici e professionisti del settore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *